Didendere Conte significa difendere un progetto politico

Editoriali

di Nicola Fratoianni – Ci sarebbe parecchio da dire sulle critiche di Matteo Renzi, che ieri ha rivendicato l’ordinato funzionamento delle Istituzioni e ricordato che la politica non è fatta di like.Ricordiamo bene tutti cosa ha fatto lui quando governava questo Paese, spingendo al massimo la traduzione della politica nella forma del social network.Ora vedremo comunque cosa accadrà. Ogni tentativo per provare a ricomporre lo strappo va praticato e sarà il Presidente #Conte a lavorare in questa direzione.C’è però un punto su cui bisogna essere molto chiari. A me pare che #Renzi abbia un obiettivo politico specifico, che è destabilizzare Conte e possibilmente evitare che rimanga alla guida del governo, ma che abbia anche un obiettivo politico profondo: far saltare la maggioranza che tiene insieme la potenziale alleanza politica tra #PartitoDemocratico, #M5S e #Sinistra, perché considera questa alleanza negativa per la sua prospettiva politica e lo allontana dagli unici potenziali alleati con cui può guardare alla sua impresa elettorale.Noi pensiamo invece che questa maggioranza, questa alleanza, sia l’unica che possa battere le destre, e penso anche che sia migliore del vecchio centrosinistra che abbiamo conosciuto.Conte rappresenta, in questo momento, l’unica sintesi in grado di tenere assieme tutto ciò e da qui bisogna partire per confermare la nostra posizione. Difendere il Presidente del Consiglio, che è il garante di questa maggioranza, significa difendere un potenziale progetto politico.

tratto dalla pagina facebook di Nicola Fratoianni