Acerbo (PRC): astensione ipocrita di destra e Pd su patto di stabilità guerrafondaio

Politica

Ieri gli eurodeputati hanno approvato un nuovo pacchetto di austerità che farà sprofondare il nostro paese in una crisi sociale ancor più profonda, tagliando servizi pubblici come sanità e istruzione. L’astensione ipocrita delle destre italiane e del PD nel voto sul Patto di Stabilità e Crescita al parlamento europeo è una presa in giro in vista delle elezioni. Infatti le destre e il PD hanno votato contro l’emendamento del nostro gruppo La Sinistra che bocciava il Patto. D’altronde la decisione e il testo sono stati concordati da governo, commissari e gruppi. Il governo dei finti sovranisti Meloni e Salvini ha detto sì al Patto. Il commissario per l’economia Paolo Gentiloni (PD) non ricordiamo che abbia fatto barricate e il gruppo socialiberista a cui aderisce il PD lo ha votato. Si tratta di un Patto guerrafondaio che prevede il ritorno del rigore contro la sanità pubblica e lo stato sociale ma che prevede che si possano sforare i parametri di spesa per le armi e la guerra. I costi della guerra decisa dalla NATO li pagheranno i popoli europei. Fortunatamente nel parlamento europeo il nostro gruppo La SInistra ha votato compatto contro questa scure antipopolare che colpirà i popoli europei e i loro diritti. La lista PACE TERRA DIGNITA’, a cui aderiamo come Partito della Rifondazione Comunista – Sinistra Europea, ha nel programma il no netto e chiaro al Patto di Stabilità perchè abbiamo bisogno di medici non di bombe.
Domani è il 25 aprile, questa Europa neoliberista e guerrafondaia, complice del genocidio a Gaza e corresponsabile del massacro senza fine in Ucraina, rappresenta il tradimento dei valori che animarono la Resistenza e l’antifascismo.

Maurizio Acerbo, segretario nazionale del Partito della Rifondazione Comunista- Sinistra Europea, candidato Pace Terra Dignità